Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei raccontare una storia, sapete come è nato il logo della Vittone Editore?
la storia inizia così...
marchio-vittone-1018avevo una gran voglia di ricominciare dopo il trasferimento da Pescara, ebbi l'idea di disegnare il mio omino sui post-it e attaccarli per la scuola per non deturpare i muri...il prof era in cerca di un logo per la sua casa editrice...
Un giorno entra in classe contentissimo ed esclama "ho trovato il logo per la casa editrice, ero in Cavallerizza e ho trovato questo!" e mentre parla con il gessetto in una mano e un post-it nell'altra inizia a disegnare sulla lavagna prima la tesa poi il cilindro e man mano che prendeva corpo il disegno capivo sempre di più che era il mio omino...all'inizio non ebbi il coraggio di dirgli che era mio, poi vedendo quei quattro sciagurati compagni d'avventura che sghignazzavano presi la palla al balzo quando disegnando il braccio teso disse "penso sia una bacchetta..." io controbattei "prof in realtà è una bomboletta...".
Un lieve silenzio contornato da velato imbarazzo si creó intorno a noi...lui avendo davanti il creatore a cui aveva "rubato" il disegno, io perché comunque era su un muro della scuola, ruppi il silenzio "se vuole comunque può toglierla..."
Fu così che il prof ebbe il logo ed io iniziai a integrarmi... mi diede l'invito per la presentazione del primo libro al Libraccio su Goethe ["La febbre Wertheriana"]... ancora lo conservo... era una grande persona, un precursore e questo intimo e stupendo ricordo mi accompagnerà per sempre.

Fabio Bruletti (studente ISA)

Condividi questa pagina

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn