Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Era un tuttologo, nel senso vero del termine, provava gioia a condividere tutte le cose che sapeva ed era anche un pizzico sornione all'idea che ci aprisse gli occhi proprio lui. È grazie a lui che ho scoperto la derivazione dell'uso comune di "ok", e come quella tante altre piccole chicche... ci ha fatto vedere i luoghi della seconda guerra mondiale, e come un vero viaggiatore parlava perfettamente il tedesco, e aveva sempre un consiglio o un suggerimento su come fare le foto, o su come mangiare la vera cucina tedesca. Uno dei miei ultimi ricordi con lui è stato mentre io, con altri insegnanti e Vittone, abbiamo giocato nel bowling dell‟albergo in cui eravamo a Berlino. Era un uomo che non sempre risultava simpatico, ma l'ho sempre trovato un uomo di mondo molto moderno.

Giada Della Luna (ex-studente)

Condividi questa pagina

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn